Incontri, Solidarietà

La terza età diventa “nuova”

Il bando di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna introduce, già dal nome, una sensibilità più profonda nell’attenzione a un mondo, quello degli anziani,
che richiede innovazione di pensiero e di strumenti

Uno dei temi portati drammaticamente alla ribalta dall’emergenza Covid19 riguarda la fragilità, la resilienza e, in senso più globale, i “diritti” delle persone anziane. La Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna da sempre dimostra una particolare attenzione, tanto nei ragionamenti di scenario quanto negli interventi concreti che va ad attivare, a questo tipo di ambito. Un esempio è il Bando “Nuove Età” volto a valorizzare e potenziare il benessere complessivo delle persone anziane, delle loro famiglie e comunità di appartenenza, promuovendo sia azioni contro l’isolamento sociale, il decadimento fisico e cognitivo sia interventi di assistenza e supporto agli anziani in condizione di fragilità. Un progetto che, come commentiamo con il presidente della Fondazione Carisbo, Carlo Monti, colpisce innanzitutto per il nome scelto, che denota da subito una diversa sensibilità sul tema.

Dottor Monti, perché anziché usare il termine più diffuso di “terza età”, avete scelto di introdurre il concetto di “Nuove età”? Qual è il valore aggiunto di questo cambio di prospettiva e, collegato a questo, quali sono le opportunità, i punti di vista inediti attraverso i quali si può leggere il valore dei nostri anziani?
«Tra i nostri bandi promossi in area Welfare, abbiamo ideato e attivato dal 2019 una specifica linea programmatica che fosse orientata sia all’innovazione sia alla capacità di fornire risposta a determinati bisogni espressi dalla nostra comunità. Attraverso il bando “Nuove età” abbiamo quindi inteso incentivare una nuova visione e una rinnovata metodologia del sistema di cura dell’anziano, riportando la persona al centro del processo di cura, laddove necessario, e rendendola protagonista attiva del suo percorso di vita. In quest’ultimo biennio, con oltre 500.000 euro investiti per il sostegno di 46 progetti, confidiamo di aver tracciato e intrapreso la giusta direzione».

Si sta diffondendo una “rivalutazione” della vecchiaia. Non più fase conclusiva di una parabola, ma spazio all’interno del quale si genera valore: pensiamo all’importanza dei nonni per famiglie sempre più sotto stress… Quanto a suo parere è diffusa questa consapevolezza degli anziani come risorsa, e non come problema?
«Credo che la pandemia con cui, purtroppo dobbiamo tuttora convivere abbia reso drammaticamente evidente l’importanza del ruolo che
le persone anziane ancora rivestono, all’interno della nostra comunità. La consapevolezza degli anziani come risorsa, tanto più preziosa in frangenti così delicati, non può però sottrarsi al bilanciamento necessario per la loro stessa tutela, sia sanitaria che socio-economica, interpretando al meglio la nostra funzione di solidarietà al fine ultimo di tutelare e rafforzare la coesione sociale di tutto il nostro territorio».

La vostra attenzione nei confronti dei progetti della Fondazione Hospice contribuisce a rispondere ai bisogni della componente più fragile all’interno delle “nuove età”. Perché la scelta di collaborare e quali sono i principali valori che accomunano le vision di queste due realtà, pur diverse tra loro?
«Il sostegno della Fondazione Carisbo alla Fondazione Hospice risale al 2004, un paio d’anni dopo la nascita del primo Hospice a Bentivoglio. Ci accomunano un ruolo proattivo di laboratorio di idee e una programmazione improntata alla creazione di valore durevole per la comunità di appartenenza, nel caso specifico valorizzando non soltanto il benessere ampiamente inteso delle persone anziane o malate, financo in condizioni di estrema fragilità o destinate a congedarsi dalla vita, ma nondimeno potenziando il supporto alle loro famiglie e ai loro caregivers».

Leggi altri articoli...

Cura

Una cultura psicologica per i professionisti della cura

Oltre alle attività rivolte ai bisogni dei pazienti e dei loro familiari, le professioniste del Servizio di Psicologia della Fondazione Hospice Seràgnoli svolgono un ruolo fondamentale nella gestione del carico emotivo dei singoli operatori e nel facilitare le dinamiche all’interno dell’équipe multidisciplinare.

Leggi di più
Cura, Diritto e Normativa, Incontri

219: una legge ad personam

A quattro anni dalla sua entrata in vigore, la normativa che introduce le Disposizioni Anticipate di Trattamento e la Pianificazione Anticipata delle Cure si conferma uno strumento che, oltre a rimettere al centro il paziente, sta trasformando la relazione di cura e il ruolo dei professionisti sanitari.

Leggi di più
Cura, Incontri

Una lingua comune per riconnettere i pazienti al mondo

Un viaggio lungo un filo sospeso tra l’idea di guarigione e quella di cura. Con Cosa sognano i pesci rossi Marco Venturino, medico anestesista, si immerge nel tumulto di pensieri, angosce e interrogativi che – nel silenzio – uniscono il destino del malato a quello del curante.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.