Solidarietà

Il valore del 5xmille, una scelta unica

Più che i numeri e le cifre, il vero elemento di valore del 5xmille sta nel fatto che chiama le persone a concentrarsi su una scelta. La sensibilità alla solidarietà è cresciuta e i donatori italiani oggi sono, per la maggior parte dei casi, dei multi-donatori, ovvero sostengono nel corso dell’anno più di una realtà non profit. Il 5xmille invece, per come è pensato, implica la scelta, ogni anno, di una sola Organizzazione. Al di là del valore economico, quindi, quella scelta ha un significato importante e particolare. È uno sguardo di qualità più che quantità quello che si propone nel riflettere sul senso di uno strumento di solidarietà contributiva entrato ormai a pieno titolo nelle abitudini degli italiani.

Alla luce di questa lettura, le 7.795 firme che nell’anno fiscale 2020 hanno scelto la Fondazione Hospice, pur in una situazione particolare come quella dettata dall’emergenza Covid (che spiega, probabilmente, la flessione registrata dal trend generale) assumono un nuovo significato.

Il 5xmille è uno strumento maturo, che si rafforza – se pur per piccoli passi – anche in termini di attenzione da parte del legislatore e dei decisori politici, come dimostrano due segnali: l’innalzamento del tetto di risorse messo a disposizione (520 milioni nel 2020, fino ai 525 milioni di euro del 2021) e la velocizzazione delle erogazioni alle non profit rispetto all’anno di dichiarazione.

L’elenco delle realtà ammesse comprende oggi quasi 70mila organizzazioni, tra enti del volontariato (quasi 50mila), le associazioni sportive dilettantistiche, gli enti impegnati nella ricerca scientifica, quelli che operano nel settore della sanità, gli enti dei beni culturali e paesaggistici e gli enti gestori delle aree protette.

Leggi altri articoli...

Cura

Una cultura psicologica per i professionisti della cura

Oltre alle attività rivolte ai bisogni dei pazienti e dei loro familiari, le professioniste del Servizio di Psicologia della Fondazione Hospice Seràgnoli svolgono un ruolo fondamentale nella gestione del carico emotivo dei singoli operatori e nel facilitare le dinamiche all’interno dell’équipe multidisciplinare.

Leggi di più
Cura, Diritto e Normativa, Incontri

219: una legge ad personam

A quattro anni dalla sua entrata in vigore, la normativa che introduce le Disposizioni Anticipate di Trattamento e la Pianificazione Anticipata delle Cure si conferma uno strumento che, oltre a rimettere al centro il paziente, sta trasformando la relazione di cura e il ruolo dei professionisti sanitari.

Leggi di più
Cura, Incontri

Una lingua comune per riconnettere i pazienti al mondo

Un viaggio lungo un filo sospeso tra l’idea di guarigione e quella di cura. Con Cosa sognano i pesci rossi Marco Venturino, medico anestesista, si immerge nel tumulto di pensieri, angosce e interrogativi che – nel silenzio – uniscono il destino del malato a quello del curante.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.