Solidarietà

L’arte solidale ha radici lontane

Le 36 opere d’arte contemporanea della quarta edizione di doutdo ripartono dall’antico: con una scenografica esposizione negli Scavi di Pompei.

Con un titolo sfidante, La mora- le dei singoli, la quarta edizione di doutdo – progetto biennale d’arte promosso dall’Associazione Amici della Fondazione Hospice MT. Chiantore Seràgnoli – guarda avanti, chiamando a una rivoluzione della responsabilità dell’individuo come motore per una nuova visione della società. E lo fa, in maniera scenografica, ripartendo dall’antico. Le 36 opere di arte contemporanea di questa edizione di doutdo, realizzate da artisti che le hanno donate per sostenere le attività della Fondazione, sono state infatti accolte e ospitate in una location unica al mondo, gli Scavi del Parco Archeologico di Pompei: un luogo senza tempo, simbolo di distruzione ma soprattutto di rinascita. La progettazione dell’allestimento tecnico in questa ambientazione così particolare è stata affidata allo studio internazionale Mario Cucinella Architects e rappresenta, a suo modo, un’ulteriore opera d’arte. La mostra promossa da doutdo in collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei e con il sostegno di Art Defender è allestita nelle sale del Portico Nord della Palestra Grande del sito archeologico e potrà essere visitata fino al prossimo 1 dicembre. Info: doutdo.it

Leggi altri articoli...

Cura

Una cultura psicologica per i professionisti della cura

Oltre alle attività rivolte ai bisogni dei pazienti e dei loro familiari, le professioniste del Servizio di Psicologia della Fondazione Hospice Seràgnoli svolgono un ruolo fondamentale nella gestione del carico emotivo dei singoli operatori e nel facilitare le dinamiche all’interno dell’équipe multidisciplinare.

Leggi di più
Cura, Diritto e Normativa, Incontri

219: una legge ad personam

A quattro anni dalla sua entrata in vigore, la normativa che introduce le Disposizioni Anticipate di Trattamento e la Pianificazione Anticipata delle Cure si conferma uno strumento che, oltre a rimettere al centro il paziente, sta trasformando la relazione di cura e il ruolo dei professionisti sanitari.

Leggi di più
Cura, Incontri

Una lingua comune per riconnettere i pazienti al mondo

Un viaggio lungo un filo sospeso tra l’idea di guarigione e quella di cura. Con Cosa sognano i pesci rossi Marco Venturino, medico anestesista, si immerge nel tumulto di pensieri, angosce e interrogativi che – nel silenzio – uniscono il destino del malato a quello del curante.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.