Incontri, Solidarietà

Le corde delle emozioni

La chiacchierata con il maestro Carlo Aonzo, uno dei più celebri mandolinisti mondiali, è un viaggio che cancella i luoghi comuni e, accompagnati dal suono di questo antico strumento a corda, conduce attraverso un mondo pieno di sorprese, immagini, persone.

Un viaggio che inizia da Savona, in una casa piena di passione musicale che diventa scuola e poi trampolino verso il mondo. «Nella nostra città esiste un’antichissima tradizione legata a questo strumento; mio papà è cresciuto e ci ha fatto crescere suonando il mandolino. Era un virtuoso, suonava in qualsiasi occasione. Io e mia sorella siamo stati accompagnati dalle sue melodie e abbiamo interiorizzato questa passione in modo molto naturale tanto che, quando avevo 9 anni abbiamo organizzato a casa nostra una vera e propria scuola di musica, insegnando nel pomeriggio ai compagni di scuola i rudimenti di quello strumento che anche noi avevamo imparato a suonare da autodidatti. Da quella esperienza, imbastita da un gruppo di ragazzini, con gli anni è rinato il Circolo Mandolinistico “G. Verdi”, una vera e propria istituzione a Savona, che nel Dopoguerra aveva cessato le attività”.

Un esordio che segna un destino per Carlo Aonzo. Le corde del mandolino da anni lo fanno viaggiare per il mondo, ma anche attraverso i vari generi della musica. “Un itinerario non lineare», racconta:

«fin dall’infanzia, il mio background musicale è stato molto vario, dagli Intillimani alle sinfonie di Beethoven che ascoltavo con mio papà, fino alla bluegrass nordamericana, un genere folk all’interno del quale il mandolino riveste un ruolo importante. C’è Vivaldi, che ha realizzato bellissime composizioni per il mandolino e c’è la musica popolare. Non mi piace chiudere la musica in scatole predefinite perché, per sua natura, ha il potere di rompere tutti i confini».

La quotidianità di Aonzo è un’infilata di collaborazioni ed eventi mondiali che sono un caso di successo della cultura italiana da esportazione ma che nel suo racconto tornano spesso su quei suoni dell’infanzia nei quali risiede la radice e la spinta di tutto il suo cammino. «È inevitabile», dice:

«la musica è un’essenza che evoca ricordi. Ogni suono, ogni melodia che entra nel nostro orecchio, inconsciamente ci riporta a un momento particolare della nostra vita, ci fa tornare a momenti dell’infanzia che la memoria razionale potrebbe non ricordare ma che attraverso il suono riacquistano tutta la loro vividezza».

La musica è, grazie a questa consonanza emozionale, uno straordinario strumento di comunicazione, un «linguaggio universale e naturale», dice Aonzo,

«che va oltre le barriere, anche quelle più delicate, come per esempio con chi viene privato da una malattia di tutte le altre possibilità di espressione. Attraverso la musica possiamo parlare, scambiarci emozioni».

La controprova? L’immediatezza con cui, attraverso la musica, si comunica con i bambini. «Ah, il mandolino in questo è eccezionale», confessa Aonzo: «Li cattura. Lo vedo quando sono nelle scuole: i bambini restano subito incantati dal suo suono, dalle melodie che si riescono a creare. È un ottimo “passaporto” per avvicinarsi alla musica perché ha un approccio piuttosto semplice, e rispetto a strumenti più complessi come il violino è possibile imparare a suonarlo con soddisfazione anche in maniera dilettantesca, arrivando subito al cuore della melodia».

Armonie senza tempo

Il maestro mandolinista Carlo Aonzo insieme a Davide Burani (all’arpa), è stato protagonista del Recital per Mandolino e Arpa “Auliche Armonie a Pizzico” organizzato lo scorso 5 ottobre presso il Teatro di Villa Mazzacorati a Bologna dall’Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli per una serata di raccolta fondi a favore della Fondazione. In una location davvero magica per storia e atmosfera, il concerto ha alternato la musica di famosi compositori come Vivaldi, Bach, Paganini, Caramiello, Calace e Munier, mostrando le infinite e affascinanti possibilità armoniche di questi due strumenti, così antichi eppure così contemporanei nella loro capacità di far risuonare emozioni.

Intervista a

Carlo Aonzo

Mandolinista, savonese, dopo aver conseguito il diploma in mandolino col massimo dei voti e lode al Conservatorio di Padova nel 1993, ha collaborato con alcune tra le più prestigiose istituzioni musicali internazionali. Dal 2020 è docente presso il Conservatorio di Musica "G. Frescobaldi" di Ferrara.

Leggi altri articoli...

Bambini, Incontri

Ogni storia è un momento prezioso

Disegni e parole di un racconto per l’infanzia sono mondi all’interno dei quali i bambini vivono l’incanto di uno sguardo nuovo e diverso sul mondo. E creano un canale di comunicazione particolare con l’adulto, una fuga
condivisa che aiuta anche in situazioni difficili, come la malattia. A tu per tu con Beatrice Alemagna, autrice italiana che racconta favole al mondo.

Leggi di più
Cura

Day Care Pediatrico: lo spazio della sintesi

Il servizio poliambulatoriale della Fondazione Hospice Seràgnoli, attraverso un lavoro in rete con l’articolato mondo di specialisti ospedalieri e territoriali che ruota
intorno ai piccoli pazienti con patologie complesse, pone la cultura olistica delle cure palliative pediatriche al servizio dei bisogni dei bambini e delle loro famiglie.

Leggi di più
Cura

Un modello che merita di essere conosciuto

Per Helena, mamma di Amelia, il Day Care di Cure Palliative Pediatriche ha cambiato le prospettive sul ruolo della “rete” che accompagna percorsi di malattia complessi.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.