Formazione

Quattro giorni a Roma, nel mondo delle cure palliative pediatriche

Tutti i protagonisti che hanno potuto vivere questa esperienza l’hanno definita “una straordinaria occasione”. Anna Meschi (fisioterapista), Giulia Paiola (pediatra), Amos Rinaldi (infermiere), Nicola Guaraldi (pediatra) sono i quattro professionisti che, grazie al supporto di Fondazione Deutsche Bank Italia, lo scorso maggio hanno partecipato a Roma al quinto Congresso Internazionale organizzato dalla Fondazione Maruzza sulle cure palliative pediatriche e al workshop “Become an EPECPaediatrics Trainer”, due appuntamenti di primario rilievo nell’ambito dei percorsi di formazione sulle cure palliative pediatriche.

Ecco le suggestioni più significative estrapolate dai “Diari” che ciascuno di loro ha tenuto durante le quattro giornate del Congresso.

Anna Meschi, Fisioterapista

“È stata tra le più belle esperienze umane e professionali… è stato davvero necessario il coinvolgimento di tutti, l’essere disponibili al confronto e lasciarsi travolgere! A partire da tematiche professionali specifiche (…) ci è stata insegnata una modalità di approccio e di pianificazione dei momenti formativi che potremmo adottare in futuro di fronte a una platea di professionisti: come progettare l’incontro, quali obiettivi scegliere insieme agli studenti, quali strategie adottare, su quali punti e con quali spunti attrarre la loro attenzione e anche come concludere in modo produttivo una sessione. Grazie nuovamente di cuore alla Fondazione Deutsche Bank Italia e ad ASMEPA!”

Nicola Guaraldi, Medico pediatra

“Il 5° congresso Maruzza di Cure Palliative Pediatriche è la mia prima esperienza di full immersion internazionale dopo la pandemia. Letteralmente un nuovo inizio. Non tanto in quanto serbatoio di conoscenze e saperi, ma piuttosto quale intreccio di relazioni professionali che mi hanno aperto gli occhi sulle diverse realtà mondiali. Il congresso ha portato a livello planetario ciò che durante il Master avevo sperimentato sulle singole realtà italiane e sui contatti multiprofessionali nazionali!”

Amos Rinaldi, Infermiere

“Devo ringraziare la Fondazione Deutsche Bank Italia per l’opportunità fornita e lo staff di Asmepa per l’organizzazione dei dettagli pratici: vedere un’enorme sala piena di persone provenienti da tutto il mondo ti fa sentire una persona privilegiata. Il punto focale della mattina è stato l’intervento del dottor Baker, con la sua proposta di utilizzare la parola e il concetto di speranza – hope – nei dialoghi che abbiamo con i familiari e con i piccoli pazienti”.

Giulia Paiola, Medico pediatra

“Ci è stato possibile incontrare e soprattutto ascoltare chi le cure palliative pediatriche le ha create, le ha fatte crescere e ora ne vede i frutti. Pur occupandomi ogni giorno di cure palliative faccio ancora fatica a capire che sono inserita all’interno di una grande rete: poter avere gli strumenti per trasmettere questo anche ai colleghi coinvolti nella cura dei bambini è un tesoro inestimabile”.

Leggi altri articoli...

Bambini, Cura, Incontri

Così ho capito, in diretta, le cure palliative pediatriche

In 8 minuti il cortometraggio Diretta, promosso dall’Associazione “La miglior vita possibile” di Padova, racconta la notte di ordinaria emergenza di un ragazzo con sindrome rara. Un film che con realismo e ironia è arrivato fino a Venezia in occasione dell’ultima Mostra del Cinema. Un’avventura raccontata a Hospes dall’autore e regista, Paolo Borraccetti.

Leggi di più
Bambini, Cura

Transitional care: un ponte per continuare a curare

Il passaggio dall’età pediatrica all’età adulta apre, per i giovani pazienti con patologie gravi e complesse e per le loro famiglie, un ampio campo di sfida e di impegno per le cure palliative. Chiamate a costruire una rete di risposte a un nuovo orizzonte di bisogni.

Leggi di più
Solidarietà

La filantropia? richiede la saggezza del contadino

Sostenere la formazione in cure palliative è un investimento per il futuro. È questa la convinzione, in pensiero e pratica concreta, che scaturisce dalle parole di Fabrizio Campi, donatore della Fondazione Hospice che ha scelto di onorare la memoria e il desiderio espresso dall’amata cugina Gabriella Verri, donando a sostegno di una borsa di studio per il Master in Cure Palliative Pediatriche dell’Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.