Incontri, Solidarietà

Un impegno 
che guarda ai bisogni

La storica collaborazione con la Fondazione Carisbo prosegue focalizzando l’attenzione sulla cura della persona anziana. L’approfondimento con il Presidente Carlo Monti.

Quali sono i presupposti da cui nasce la collaborazione tra la Fondazione Carisbo e la Fondazione Hospice Seràgnoli?
Il presupposto fondamentale è rappresentato dalla condivisione del principio primario di solidarietà nei confronti dell’essere umano, considerato nella sua complessa globalità. La nostra è una collaborazione pluridecennale che risale al 2004, con un consistente contributo finalizzato alla costruzione di un centro di formazione e di ricerca in cure palliative, mediante la ristrutturazione degli edifici casa colonica e fienile dell’allora complesso dell’Hospice Bentivoglio, sorto nel 2002.

Cosa vi ha portati a scegliere in particolare questo progetto, dedicato ai pazienti over 80?
Siamo tutti consapevoli che tra i tantissimi problemi che affliggono la nostra società ve ne sono due, in particolare, che possiamo considerare emergenti.  Il primo è costituito dall’invecchiamento della popolazione ed il secondo, che ne è diretta conseguenza, è rappresentato dall’incremento delle malattie croniche invalidanti, con gravi disagi fisici e psicologici, e nondimeno economici, sia per la persona in difficoltà sia per la famiglia di appartenenza. È pertanto evidente la necessità di dar vita agli interventi più in grado di rispondere ai singoli bisogni, come le cure palliative per dare supporto e assistenza specialmente alle persone sole del nostro territorio metropolitano.

Come Fondazione siete impegnati in diversi progetti in ambito medico-sanitario. Perché ritenete l’ambito delle cure palliative un contesto importante cui dare il vostro sostegno?
Non vi è alcun dubbio sulla necessità di aiutare concretamente la ricerca medico-scientifica che ha prodotto enormi progressi, tanto nella diagnosi quanto nella terapia, ma è altrettanto chiaro come sia indispensabile individuare e realizzare le iniziative più idonee per evitare anche il vuoto, l’abbandono della persona nel momento di maggiore bisogno laddove le istituzioni pubbliche non sono talvolta nelle condizioni di intervenire. Per queste ragioni tramite lo strumento dei bandi di finanziamento, pressoché raddoppiati per il 2019 rispetto allo scorso anno, non esitiamo a sostenere nel settore del welfare progettualità tali da proporre soluzioni inedite, efficaci e sostenibili per favorire l’assistenza e l’integrazione sociale, contrastando in ogni ambito della vita quotidiana il disagio dei minori, dei giovani, degli anziani e delle famiglie. In questo secondo semestre dell’anno, con il bando tematico “Nuove età” incentiviamo una nuova visione e una rinnovata metodologia del sistema di cura dell’anziano, riportando la persona al centro del processo di cura mediante il sostegno sia ad interventi di prevenzione dell’isolamento sociale e del decadimento fisico e cognitivo, sia di assistenza e supporto agli anziani in condizione di fragilità, con un’attenzione particolare alle persone sole e ai loro caregivers.

Fondazione Carisbo e Fondazione Hospice sono due rilevanti realtà non profit del territorio bolognese. Che lettura date del tessuto territoriale all’interno del quale operate e della sua storica propensione a promuovere iniziative di importante impatto sociale?
Siamo orgogliosi di operare in un contesto sociale che ha sempre dimostrato particolare sensibilità nei confronti dei più bisognosi. La nostra azione continua e continuerà ad essere sollecita nella direzione di un’auspicabile sempre più ampia e incisiva collaborazione tra privato e pubblico, secondo princìpi di sussidiarietà e solidarietà.

Leggi altri articoli...

Cura

Una cultura psicologica per i professionisti della cura

Oltre alle attività rivolte ai bisogni dei pazienti e dei loro familiari, le professioniste del Servizio di Psicologia della Fondazione Hospice Seràgnoli svolgono un ruolo fondamentale nella gestione del carico emotivo dei singoli operatori e nel facilitare le dinamiche all’interno dell’équipe multidisciplinare.

Leggi di più
Cura, Diritto e Normativa, Incontri

219: una legge ad personam

A quattro anni dalla sua entrata in vigore, la normativa che introduce le Disposizioni Anticipate di Trattamento e la Pianificazione Anticipata delle Cure si conferma uno strumento che, oltre a rimettere al centro il paziente, sta trasformando la relazione di cura e il ruolo dei professionisti sanitari.

Leggi di più
Cura, Incontri

Una lingua comune per riconnettere i pazienti al mondo

Un viaggio lungo un filo sospeso tra l’idea di guarigione e quella di cura. Con Cosa sognano i pesci rossi Marco Venturino, medico anestesista, si immerge nel tumulto di pensieri, angosce e interrogativi che – nel silenzio – uniscono il destino del malato a quello del curante.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.