Cura, Incontri

La musica è L’Infinito

Dal dio Apollo alle riflessioni del maestro Fio Zanotti, lungo tutta la storia dell’umanità le sette note hanno sempre suonato un inno alla vita.

«Perché la musica fa star bene? Perché nasce da noi, ma va oltre noi. La musica non è mai finita, ti regala sempre qualcosa di nuovo, di più, che ti porta altrove. Ecco, la musica è un infinito. A noi, uomini finiti, l’idea dell’infinito fa vivere, crescere, migliorare, sperare. Per me è così da quando sono nato; quasi ancora non camminavo e già vivevo di musica». Le sette note come un balsamo che ci porta oltre la finitezza umana: così descrive la musica il maestro Fio (Fiorenzo) Zanotti, musicista, arrangiatore, produttore, direttore d’orchestra, che ha collaborato con tutti i grandi della musica italiana. Con un patrimonio di competenza nell’orecchio che va dal jazz alla classica al rock e che oltre alle differenze di genere e di armonia nutre una convinzione: «La musica è prima di tutto emozione e l’emozione è qualcosa che, qualunque sia la tua condizione, ti fa sentire vivo». Che la musica sia un motore di vita lo sappiamo – anzi, lo sentiamo – da sempre. Da quando per la prima volta i nostri genitori ci hanno cullato al suono di una ninna nanna. Un suono che placa, che cura quella piccola agitazione che per il neonato, in quel momento, rappresenta tutto il mondo. Cresciamo e ci evolviamo con la musica, nella musica.

La melodia è la via più diretta all’emozione, ci entra dentro senza prima dover fare i conti con la razionalità. Ha una potenza enorme sulla nostra psiche, e – di conseguenza – sul nostro benessere o malessere fisico. È questo il grande campo d’azione della musicoterapia, disciplina che sta vivendo una brillante primavera e che in fondo costituisce una sistematizzazione di qualcosa che non solo ognuno di noi sa da sempre, ma con cui è cresciuta la stessa umanità. Apollo, una delle divinità dell’Olimpo nella classicità greca, era al contempo dio della musica e dio della medicina. Un “cumulo di cariche” non casuale, che racconta molto bene come da almeno tremila anni le sette note facciano parte degli strumenti di chi cura. «Quello che mi affascina della musica», prosegue Zanotti, «è il fatto che ci spinge a usare tanto l’intelligenza quanto la sensibilità, ovvero tutte le nostre “armi” di esseri umani: ci mette in gioco completamente. Per questo, forse, lo stimolo della musica è importante anche per chi è in condizioni difficili, come la malattia. La musica ci sfida, ci chiama a dire la nostra. Fosse anche solo un sorriso, o un silenzio».

Generazioni di sciamani, danzatori della pioggia, grandi sacerdoti e – ultime – rutilanti rockstar, hanno sempre seguito la scia di questo assunto. La musica fa stare bene. Fondamentali, nel confermare questo, gli studi riguardanti i suoi effetti fisiologici: è dimostrato che la musica agendo sul sistema nervoso produce reazioni di tipo muscolare, cardiaco, respiratorio, ormonale, con evidenti ricadute anche sul piano emozionale. Inoltre, la musica agisce su molti livelli contemporaneamente: consente di stabilire un rapporto con il paziente che gioca sugli aspetti relazionali, sulle funzioni esecutive, su memoria e attenzione, sul coordinamento motorio, sullo stress, sulla capacità di usare gli strumenti, sulla connettività tra aree lesionate. «La musica è l’elemento vitale della vita», conclude con un gioco di parole pieno di ritmo Zanotti. Una definizione non medica, che però fa risuonare bene l’idea. Dandole armonia.

Leggi altri articoli...

Cura

Una cultura psicologica per i professionisti della cura

Oltre alle attività rivolte ai bisogni dei pazienti e dei loro familiari, le professioniste del Servizio di Psicologia della Fondazione Hospice Seràgnoli svolgono un ruolo fondamentale nella gestione del carico emotivo dei singoli operatori e nel facilitare le dinamiche all’interno dell’équipe multidisciplinare.

Leggi di più
Cura, Diritto e Normativa, Incontri

219: una legge ad personam

A quattro anni dalla sua entrata in vigore, la normativa che introduce le Disposizioni Anticipate di Trattamento e la Pianificazione Anticipata delle Cure si conferma uno strumento che, oltre a rimettere al centro il paziente, sta trasformando la relazione di cura e il ruolo dei professionisti sanitari.

Leggi di più
Cura, Incontri

Una lingua comune per riconnettere i pazienti al mondo

Un viaggio lungo un filo sospeso tra l’idea di guarigione e quella di cura. Con Cosa sognano i pesci rossi Marco Venturino, medico anestesista, si immerge nel tumulto di pensieri, angosce e interrogativi che – nel silenzio – uniscono il destino del malato a quello del curante.

Leggi di più

Resta sempre

aggiornato.

Dichiaro di aver preso visione e compreso il contenuto dell’Informativa Newsletter per il trattamento dei dati personali e acconsento all’iscrizione alla newsletter e al conseguente invio di materiale promozionale sulle attività e iniziative della Fondazione e sull’invio di comunicazioni ulteriori come richieste di donazione, inviti alle iniziative organizzate dalla Fondazione, sondaggi di opinione e promozioni relative alle attività istituzionali.